Salute dalla A alla Z

Contatti Page
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V X Y Z
Seminoma

Tumore maligno delle cellule germinali del testicolo, che si manifesta in genere in giovane età. Tende a dare metastasi a livello dell'addome e dei linfonodi dell'inguine. Il trattamento è chirurgico (asportazione del testicolo colpito) e radioterapico.

Senescenza

Normale processo fisiologico che porta all'invecchiamento dell'organismo e delle sue strutture.

Seni paranasali

Cavità presenti nelle ossa del cranio che sfociano nel naso. Presentano un rivestimento interno di tessuto epiteliale e hanno la funzione di riscaldare e umidificare l'aria inspirata. Sono suddivisi in quattro gruppi detti seni frontali, mascellari, sfenoidali ed etmoidali. I seni mascellari si trovano nel corpo della mascella e sono quelli di dimensioni maggiori: la parte superiore è il pavimento dell'orbita oculare, mentre quella inferiore pavimento è sopra le radici dentarie dell'arcata superiore. I seni frontali sono due cavità irregolari presenti sull'osso frontale, al di sopra della radice del naso i seni sfenoidali si trovano nel corpo dello sfenoide e sono separati tra loro da un sottile setto osseo i seni etmoidali infine variano in dimensioni e numero e sono localizzati tra l'orbita e il tratto superiore delle cavità nasali, all'interno dell'osso etmoide. La sinusite è una patologia causata dall'infiammazione di un tratto dei seni paranasali.

Seno

Cavità contenente aria, sangue o linfa, per esempio i seni paranasali. Si definisce ""seno"" anche lo spazio presente tra le mammelle, motivo per cui il termine viene comunemente utilizzato per indicare queste ultime (per esempio allattamento al seno o autopalpazione del seno).

Sensibilizzazione

Termine che assume in ambito medico diversi significati, in relazione al contesto in cui viene applicato: può indicare per esempio l'avvenuta risposta al contatto con un antigene, in seguito alla quale il sistema immunitario attiva la produzione di anticorpi, oppure una condizione di eccessiva sensibilità a una particolare sostanza, che si manifesta come conseguenza di frequenti somministrazioni.

Senso stereognostico

Funzione grazie alla quale è possibile percepire con il solo senso del tatto la forma, le dimensioni e la temperatura degli oggetti. è governato da una specifica area della corteccia cerebrale che si trova nel lobo parietale.

Sequela

Termine che indica tutte le alterazioni che seguono a un evento patologico di varia natura, ma anche quelle che si manifestano dopo un trattamento chemio- o radioterapico, per esempio la sterilità.

Sequestro

Distacco di un determinato tessuto da quello circostante. In genere si parla di sequestro osseo, che si manifesta nel quadro dell'osteomielite piogena e può essere primario (distacco completo), secondario (distacco parziale) o terziario (il tessuto necrotico dell'osso viene circondato da quello sano e rimane in sede). Il trattamento è di tipo chirurgico.

Seriografia

Procedura diagnostica grazie alla quale è possibile ottenere una sequenza di immagini relative al funzionamento di un organo o apparato. Richiede l’impiego di un apposito strumento detto seriografo e consente lo studio, per esempio, del tubo digerente o delle vie urinarie.

Serotonina

Neurotrasmettitore che interviene nei meccanismi dell'umore, del sonno, dell'appetito e sulla regolazione dei vasi sanguigni (è infatti un potente vasocostrittore). Squilibri nella sintesi della serotonina sembrano inoltre collegati alla depressione e ad altre patologie psichiatriche quali comportamenti impulsivi, disturbi alimentari e schizofrenia.

Sesso

Insieme di caratteristiche che consentono di distinguere, all'interno di ciascuna specie, individui maschi e femmine. Negli esseri umani l'attribuzione del sesso avviene a livello genetico (presenza dei cromosomi XY per il maschio e XX per la femmina) e si riflette a livello morfologico nei genitali esterni e nei caratteri sessuali secondari (dimensione delle mammelle, presenza di peli o barba). Il sesso è fondamentale all'interno dei meccanismi riproduttivi e in linea generale prevede la presenza di una cellula uovo (ovulo) nella femmina, che viene fecondata dal maschio grazie agli spermatozoi.

Sessualità

Termine utilizzato per definire sia l'insieme dei caratteri sessuali (primari e secondari) che differenziano i maschi dalle femmine, sia l'insieme delle esperienze emotive e comportamentali che caratterizzano la relazione di ciascun individuo con il proprio corpo, con l'attività sessuale e con il piacere. Dal punto di vista fisico, l'attività sessuale è l'espressione di un complesso meccanismo che coinvolge numerosi organi e apparati dal punto di vista psicologico e sociale essa può essere vista come il risultato di un percorso educativo e formativo spesso altrettanto complesso, specifico per ciascun individuo.

Sessuofobia

Disturbo caratterizzato da una forte avversione per il sesso, inteso negli aspetti sia fisici sia emotivi. Può insorgere in conseguenza di traumi (per esempio un abuso sessuale) o derivare da un’educazione particolarmente repressiva nei confronti della sessualità.

Sessuologo

Professionista specializzato nel trattamento delle problematiche sessuali che possono insorgere nel singolo individuo oppure nella coppia, di natura sia psicologica sia fisica. Il sessuologo può intervenire per esempio nel trattamento della frigidità femminile o della disfunzione erettile maschile.

Sesta malattia

Malattia esantematica (detta anche esantema subitum o esantema critico), causata da un virus e che si manifesta tipicamente nei bambini nei primi due anni di vita. è caratterizzata dall'improvvisa comparsa di uno stato di irrequietezza del bambino con febbre anche elevata che, dopo tre giorni, si abbassa di colpo con comparsa sulla pelle di chiazzette arrossate su tronco, collo e arti che spariscono spontaneamente nell'arco di 2-3 giorni. Non esistono vaccini e non sono necessari trattamenti specifici.

Sete

Meccanismo fisiologico che si attiva quando l'organismo ha bisogno di riequilibrare il proprio volume di liquidi. In presenza di disidratazione anche lieve, si assiste a una riduzione del volume del sangue e alla contemporanea concentrazione di sali e altre sostanze all'interno delle cellule questa condizione viene recepita dall'ipotalamo attraverso specifici recettori nervosi e stimola l'individuo a bere. Esiste anche una condizione detta polidipsia e caratterizzata da un eccessivo bisogno di bere, in genere conseguente a patologie quali nefrite cronica e diabete mellito.

Setticemia

Detta anche sepsi, indica un'infezione a carattere sistemico, ovvero estesa a tutto l'organismo, conseguente al passaggio di microrganismi patogeni nel sangue. è una condizione molto grave e in genere è favorita da situazioni quali depressione del sistema immunitario, patologie croniche debilitanti o impiego di cateteri e altri strumenti che possono veicolare l'ingresso di agenti patogeni nell'organismo. Si manifesta con febbre molto alta, brividi e ipotensione arteriosa richiede il ricovero ospedaliero in quanto occorre non solo trattare l'infezione all'origine, ma anche prevenire eventuali danni agli organi (in particolare cuore, reni e fegato).

Setto nasale

Struttura anatomica che divide la cavità del naso nelle due fosse. è costituita da una sottile lamina in parte cartilaginea e in parte ossea quest'ultima può essere interessata da malformazioni (congenite o conseguenti a traumi) che impediscono il corretto passaggio dell'aria e che richiedono a volte una correzione chirurgica.

Sezione congelata

Campione di tessuto organico prelevato da una struttura anatomica, congelato in azoto liquido e poi ""tagliato"" in sezioni sottilissime. Si ricorre a questa tecnica quando occorre effettuare una diagnosi in tempi rapidi, per esempio nelle biopsie di sospette neoplasie maligne.

Sfenoide

Osso della scatola cranica a forma di cubo e accompagnato da due protuberanze laterali dette ali dello sfenoide. è localizzato alla base del cranio e la parte anteriore è a contatto con le ossa del naso, mentre in quella posteriore è presente una depressione (sella turcica) che racchiude la ghiandola ipofisi.

Pages