Salute dalla A alla Z

Contatti Page
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V X Y Z
Drenaggio chirurgico

Procedura impiegata durante o dopo gli interventi chirurgici per rimuovere i liquidi che si raccolgono nella zona operata. In genere si utilizza un sondino attraverso il quale il materiale viene naturalmente convogliato verso un punto di raccolta esterno, oppure si sfrutta una pompa meccanica che ne consente l'aspirazione.

Drenaggio posturale

Metodica di rimozione di liquidi accumulati in determinati punti dell'organismo basata sul far assumere al paziente posizioni specifiche. è impiegata per esempio in caso di bronchite, per facilitare l'espulsione del catarro accumulatosi nei bronchi. I pazienti che non riescono a espettorare da soli vengono tenuti in posizione sdraiata, con il capo più basso dei piedi, e invitati a tossire: questo consente di sfruttare la naturale forza di gravità per il deflusso delle secrezioni.

Droperidolo

Farmaco antipsicotico utilizzato nel trattamento delle psiconevrosi e delle forme schizofreniche. è utilizzato anche in anestesiologia.

DTP

La sigla DTP indica il vaccino trivalente contro difterite, tetano e pertosse. In Italia la vaccinazione nei confronti di queste malattie è obbligatoria e viene effettuata in quattro diversi momenti: al terzo, al quinto e tra l'undicesimo e il dodicesimo mese dopo la nascita e, infine, attorno ai sei anni di età.

Dumping Syndrome

Disturbi che si verificano a breve distanza dai pasti in pazienti sottoposti ad asportazione chirurgica dello stomaco. In questi pazienti, lo stomaco è di dimensione ridotta e versa nell'intestino cibi mal digeriti. Questo provoca il richiamo di forti quantità di sangue e liquidi al tubo digerente e, di conseguenza, i sintomi di un collasso, quali sudorazione fredda, capogiro e batticuore.

Duodenite

Infiammazione del duodeno, che si manifesta in genere con gonfiore o bruciore alla bocca dello stomaco a breve distanza dai pasti. La diagnosi certa può richiedere una gastroscopia, che a volte rivela la presenza di ulcere o erosioni. La terapia si avvale di farmaci antiacidi.

Duodeno

Il duodeno è la porzione dell'apparato digerente corrispondente al primo tratto dell'intestino tenue. La sua lunghezza è di circa 20 cm, si trova subito dopo lo stomaco (dal quale è separato grazie al piloro) e prosegue nel digiuno. All'interno del duodeno si riversano i secreti dei dotti biliari e pancreatici, che contengono gli enzimi digestivi.

Duodenoscopia

Tecnica diagnostica che consente la visualizzazione dell'interno del duodeno. Viene eseguita mediante un tubo flessibile a fibre ottiche grazie al quale è possibile, se necessario, effettuare biopsie e interventi di microchirurgia. Durante la duodenoscopia inoltre può essere iniettato nel coledoco un mezzo di contrasto allo scopo di radiografare le vie biliari

Duodenostomia

Tecnica chirurgica grazie alla quale viene realizzata una via di comunicazione tra il duodeno e un altro organo dell'addome. Può essere effettuata in caso di asportazione di parte dello stomaco (per esempio a seguito di tumori) oppure in presenza di ulcere che non sono trattabili solo con i farmaci.

Duodenotomia

Operazione chirurgica che prevede l'asportazione del duodeno, utilizzata un tempo nel trattamento dell'ulcera duodenale e oggi riservata a situazioni in cui la terapia farmacologica non è risolutiva.

Dura madre

La più esterna delle tre meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. è una membrana fibrosa che da un lato aderisce alle ossa che formano la scatola cranica e dall'altro all'aracnoide, la seconda delle meningi le due sono separate dallo spazio subdurale.

Pages