Progetto "Formazione in Medicina: dall'Accademia alla corsia, i dati e l’esperienza" – 2015 – 2017

Il progetto, promosso dall’Università “Federico II” e realizzato con il supporto incondizionato di Fondazione Pfizer, ha dato vita a un percorso formativo di orientamento rivolto a ragazzi del quarto e quinto anno di licei scientifici, linguistici e classici di Napoli e provincia, che valutavano la possibilità di iscriversi alla Facoltà di Medicina. L’iniziativa ha ottenuto il Patrocinio della Regione Campania, dell'Ufficio Scolastico Regionale e del Provveditorato agli Studi della Campania.

Un progetto formativo pensato per rispondere alla necessità di migliorare l’attuale sistema di accesso universitario, la consapevolezza e le aspettative degli studenti, aspiranti medici.

Un’esigenza ribadita anche dal MIUR, che ritiene necessario rendere più efficace e incisiva proprio la fase dell’orientamento, e segnalata dagli stessi studenti.

Rispondendo ad un questionario realizzato dall’Ateneo, quasi 9 aspiranti medici su 10 dei 200 rispondenti all’indagine, hanno dichiarato di essere assolutamente favorevoli a ricevere un orientamento, anche specifico, che possa guidarli nella scelta consapevole del percorso di studi, mentre oltre il 50% reputa importante che la Facoltà offra, oltre a spazi e infrastrutture adeguate anche la possibilità di affiancare alla formazione d’aula quella clinica, in corsia.

Il progetto d’orientamento ha illustrato agli studenti com’è strutturato il Corso di Studi in Medicina e Chirurgia, fornendo informazioni importanti sulle modalità di accesso, sulle caratteristiche del piano di studi e sugli sbocchi professionali nel settore sia pubblico sia privato.

Per rendere il percorso di formazione più efficace e mirato, il progetto ha offerto agli studenti maggiormente interessati l’opportunità di partecipare ad altre 3 giornate di formazione per approfondire, anche attraverso sessioni di laboratorio presso l’Università stessa, alcuni aspetti concreti della professione medica.

Per valutare la concreta motivazione a proseguire nel cammino verso la professione medica, gli studenti partecipanti all’orientamento sono inoltre invitati a compilare un breve questionario su temi legati all’accesso programmato ma anche al curriculum di studi e alle personali aspettative.

Dai dati del follow-up dell'iniziativa partita nel 2015 e presentati nel 2017 è emerso il coinvolgimento di 250 studenti provenienti da 7 licei di Napoli e provincia.

Dei 250 aspiranti medici coinvolti nel progetto, il 72% ha poi sostenuto i test e ben il 37% è riuscito ad accedere alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, a fronte di una media nazionale, nel biennio 2015/2016, del 17,7%.

Al termine del primo anno, il 73% del campione di riferimento era in regola con gli esami con una media del 27,2% (solo il 22% è indietro di 1 o 2 esami ed appena il 5% di più di 2 esami), a dimostrazione che un adeguato e corretto orientamento è fondamentale ai fini di una scelta consapevole e motivata, in grado di proiettare a un futuro di successo.

DICHIARAZIONI

Gabriella Fabbrocini, Scuola Superiore di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Napoli Federico II, ideatrice del progetto: «Il sistema di formazione moderno deve essere incentrato sulla piena consapevolezza della professione che si sta per intraprendere in tutte le sue sfaccettature. Di qui l'importanza anche del training in corsia che, infatti, tale progetto prevede in maniera assolutamente innovativa».

Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II: «la scelta dell'università è uno dei momenti più importanti nella vita di un giovane ed è fondamentale indirizzare i propri studi verso ciò che si ama. Essere medico necessita di una vocazione e di uno spirito di sacrificio. Un impegno gratificante che si traduce nella possibilità di aiutare il prossimo. È per questo motivo che la qualità della formazione universitaria è prioritaria ed è ciò che spinge la Federico II a tenere sempre alta la sua offerta formativa. Una grande Università composta da docenti preparati e studenti talentuosi. Quando si sceglie ciò che si ama, ciò per il quale ci si sente portati, si possono raggiungere grandi traguardi. Va detto, inoltre, che i laureati presso l'Università di Napoli Federico II hanno le maggiori opportunità di lavoro, vista la grande tradizione e l'alta reputazione acquisita nel corso degli anni attraverso i risultati e il lavoro. Bisogna studiare e farlo presso le università eccellenti».

Luigi Califano, Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II: «Si tratta di un progetto nel suo genere unico in Italia. La nostra Scuola in questo caso fa da apripista ad un percorso formativo all’avanguardia a livello nazionale, consentendo agli studenti delle scuole superiori di entrare nel vivo della professione medica, potendo visionare luoghi, strumenti e opportunità didattiche e di ricerca offerti dal nostro corso di studi, in modo da favorire una scelta universitaria consapevole e motivata».

Gabriella Varallo Bedarida, Past President Fondazione Pfizer: «Siamo lieti di supportare un’iniziativa di questo calibro e un programma di orientamento efficace che possa agevolare e migliorare l’iter di accesso alle Facoltà di Medicina oltre ad aiutare gli studenti nella scelta del loro futuro. Un’iniziativa in linea con la missione della nostra Fondazione che si propone di supportare sul territorio italiano, in partnership con enti ed Istituzioni, progetti innovativi, che contribuiscano al miglioramento del Servizio sanitario e del benessere del cittadino».

Barbara Capaccetti, Presidente Fondazione Pfizer: «Siamo stati lieti di supportare, sin dal suo inizio, un programma di orientamento che si è dimostrato così apprezzato ed efficace per gli studenti e che potrà diventare una best practice nel favorire l'accesso alle Facoltà di Medicina, oltre ad aiutare i più giovani nella scelta del loro futuro».